UNA RICERCA PER EDUCARE

    AdobeStock_451633415---post-vITTIME

    Nascondeva le lacrime ma condivideva i sorrisi ("Cambiare l’acqua ai fiori", Valérie Perrin)

    Scrivo con mano tentennante per un senso di rispetto e di tutela, ma anche con mano desiderosa di dare voce a quanto provato nella lettura di "Vittime non per sempre. Indagine su violenza assistita e femminicidi". Si tratta di una narrativa altra da quella che solitamente riporto, e realizzata seguendo un’orma particolare: quella della ricerca. Credo che ogni indagine abbia inizio dalla volontà di avvicinarsi al preciso argomento che diviene protagonista del ricercare, e che persegue l’intento di far conoscere per apprendere e trasmettere.

    In questo volume, utilizzare la parola “argomento” non è appropriato; non si parla di “temi”, di “argomenti” appunto, si parla di vita, e lo si fa affrontandola attraverso il racconto di esperienze forti, come violenza e femminicidio. Donne, e non solo, si raccontano attraverso la violenza subìta, reale, che coinvolge spesso più di un soggetto; vite che si richiamano tra le domande e le risposte di interviste che riescono a togliere potere alla parola “violenza”. Se questa appare come protagonista, pian piano lascia cadere i vestiti da vincitrice e viene disarmata, anche se non completamente dimenticata, dal cordone di dialoghi e azioni appartenenti sia a coloro che hanno vissuto la violenza direttamente, sia alle persone che l’hanno vissuta attraverso il suo rimbalzare nei contesti vicini alla “vittima”.

    Accurata è la ricerca, scrupolosa e completa è la narrazione nell’aprirsi su ogni attimo dell’accaduto, trattando il prima, il durante e il dopo. Pagine in cui sono riportati con grande cura e sensibilità episodi crudi, che non possono essere definiti o raccontati diversamente. 

    Mentre leggevo, più volte ho pensato alla parola “audacia” perché credo ci voglia audacia per seguire una ricerca nella quale si maneggiano parole dal significato prepotente e brutale. Tuttavia, dopo un senso di timore e ansia per le vicende riportate, sentivo anche una sensibile accoglienza nei confronti del dolore narrato e avvertivo fiducia verso nuovi e futuri orizzonti. Dalla professionalità della curatrice della ricerca, dalle autrici, dalla disponibilità di chi ha condiviso il proprio vissuto, dalla competenza delle figure di aiuto, è nato un testo capace di tracciare anche orme di coraggio e fiducia. 

    Un’indagine che è frutto di competenza, di determinazione nel raccogliere emozioni e angosce di coloro che hanno consegnato ai dialoghi la voce di silenzi, forse affidandosi inizialmente a un bisbiglio. Sì, penso che certe parole oggi siano solo bisbigliate e abbiano una risonanza di qualche attimo, per poi, come echi, nascondersi lontane.  Da questa lettura è emerso in me un atteggiamento di maggior apertura rivolto a educare per costruire una nuova via di uscita e un domani, tutto possibile, dove termini come femminicidio e violenza troveranno sempre meno spazio. 

     

    Grazie a Maria Antonietta Selvaggio, curatrice della ricerca, per aver messo tra le mie mani questo testo che richiede rispetto, sensibilità ed educazione. 

     

    Il libro è il risultato di un lavoro di ricerca delicata e approfondita; è un'edizione fuori commercio. Chi volesse approfondire il tema, può scrivere a: Maria Antonietta Selvaggio, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

     

     

    INCONTRI
    IL BAULE DELLE PAROLE
     

    Commenti

    Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
    Già registrato? Login qui
    Ospite
    Venerdì, 27 Maggio 2022
    di Francesca Girardi

    di Francesca Girardi

    Informazioni di contatto

    info@ormediscrittura.it

    Informativa Cookies

    Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili a migliorare il servizio offerto. Se vuoi saperne di più consulta la nostra Cookie Policy.
    Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.